Roma in Bocca - sito dedicato alla cucina romana e alla sua storia, piatti tipici della tradizione romana

facebook
Menu Ricette Menu Rubriche
Cerca una ricetta
Portata:
Ricetta:

La cuoca in cucina
Ricette di Pasqua

AGNELLO PASQUALE AL ROSMARINO

Ingredienti 1 coscio di agnello 2 limoni 2, 3 rametti di rosmarino olio di oliva sale e pepe Preparazione: Lasciate marinare dalla sera precedente il cosciotto di abbacchio in olio, limone e rosmarino, dopo averlo salato e papato. Il mattino dopo cospargetelo di rosmarino, disponetelo su una teglia e fatelo rosolare in forno per circa 45 minuti, inumidendo di tanto in tanto con la marinata utilizzata in precedenza.

Pizza salata di Pasqua

Ingredienti 1 kg di Farina 100 gr di Pasta di pane già lievitata 25 gr di Lievito di birra 200 gr di Parmigiano grattugiato 100 gr di Pecorino di Norcia o groviera 6 Uova 2 Tuorli 100 gr Strutto Olio extravergine d'oliva 100 gr Burro Sale e Pepe Preparazione: Mettere la farina in una grossa zuppiera e fare una cavità nel centro. Sciogliere la pasta di pane lievitata con una tazza di acqua tiepida e versarla nella cavità. Impastare il liquido solo con una piccola quantità di farina, sbattendo energicamente con una frusta o una forchetta. L'impasto deve essere molle. Coprirlo con un velo di farina e la zuppiera con un canovaccio. Mettere la zuppiera in un luogo caldo fino a quando il lievito avrà raddoppiato il suo volume. Nel frattempo mettere le uova intere, i rossi, lo strutto e il burro a pezzetti, l'olio e il parmigiano in una pentola; regolare di sale e pepe e sbattere il tutto con una frusta o una forchetta. Tagliate a dadini molto piccoli il pecorino o il groviera. Quando il lievito avrà raddoppiato il suo volume, stiepidire il composto a base di formaggio e grassi a bagno-maria per qualche minuto. Attenzione però a non farlo scaldare troppo altrimenti dovreste aspettare per poter fare le operazioni successive. Aggiungete il composto alla farina con il lievito e unire anche il lievito di birra sbriciolato e il pecorino. Amalgamate velocemente il tutto con le mani e trasferirlo sulla spianatoia infarinata. Lavorare l'impasto per circa 15 minuti ottenendo una massa elastica. Aggiungete farina, se necessario. Ungete uno o più stampi a bordi alti; ponete la pasta nell'interno facendo attenzione che non superi la metà. Far lievitare l'impasto in un luogo caldo e lontano dalle correnti d'aria fino a quando non raggiunge il bordo. Cuocere in forno preriscaldato a 200°C per circa un'ora fino a quando la superficie non è ben dorata. Lasciaterla raffreddare prima di toglierla dallo stampo.

Pizza dolce di Pasqua

Ingredienti 900 gr di Farina 250 gr di zucchero 60 gr. burro 80 gr di strutto 70 gr. lievito di birra Mezzo bicchiere di vinsanto (40 gr) 45 gr. di rosolio di cannella 1 limone 1 arancio 1 litro di latte 6 uova intere 1 limone 1 bustina di vanillina olio e sale Preparazione: Versare 250gr farina in una terrina, creare una piccola conca al centro e versarvi il lievito di birra precedentemente sciolto nel latte insieme a poca acqua. Mescolare il tutto aggiungendo altra acqua tiepida quanta ne occorre per ottenere un impasto morbido e consistente che potrà essere raccolto a forma di palla. Incidere la palla con due tagli a croce, coprire con un panno e riporla in un luogo tiepido fino al giorno successivo. Disponete la rimanente farina sulla spianatoia; aggiungere le uova intere, lo zucchero, il burro, lo strutto sciolto in poco latte, il lievito di birra sciolto in un bicchiere di latte, mezza buccia di limone e di arancio grattugiata. Infine, la pasta lievitata, la vanillina, il liquore e impastare tutti gli ingredienti. Se l'impasto dovesse risultare troppo duro, aggiungere ancora un po' d'acqua. Imburrare e infarinare una tortiera circolare dalle pareti alte, in cui la pasta dovrà occupare circa 1/3 del volume disponibile (ca 25 cm di diametro). Maneggiare finché la pasta non sarà diventata liscia. Sollevarla ripetutamente dalla spianatoia e lasciarla ricadere al fine di renderla più elastica. Versare l'impasto in uno stampo alto e lasciarlo riposare. Quando sarà aumentato di circa il triplo (ca 3 ore), infornare a 150° (o finché non si sarà formata una crosta dorata). Va tenuta in ambiente tiepido e privo di correnti d'aria.

, piatti tipici romaneschi, cucina romana, piatti tipici della tradizione romana, ricette tipiche della cucina romana, monumenti di Roma